Il Castello dei Vescovi di Luni

    In piazza Matteotti, nel centro storico di Castelnuovo Magra, si erge la Turris Magna, mastio del sistema difensivo della città.

    Dimora signorile costruita nella seconda metà del secolo XIII per volontà del vescovo Enrico da Fucecchio, il Castello dei Vescovi di Luni divenne fortilizio militare dopo varie ristrutturazioni avvenute durante la dominazione fiorentina e genovese, nel XV e XVI secolo.

    Dell’imponente struttura restano la grande torre merlata, con il coronamento di beccatelli in arenaria, frutto della raffinata ristrutturazione fiorentina del 1468, e la più piccola torre circolare munita invece di beccatelli in laterizio.

    Quest’ultima, costruita dai genovesi, era adibita a Santa Barbara e permetteva anche il controllo verso la porta di accesso al borgo di Vallecchia, grazie alle feritoie che consentivano il tiro radente dell’artiglieria.

    La Torre, completamente restaurata ed aperta al pubblico, oggi è sede di importanti mostre ed eventi.

    Sulle tracce di Dante Alighieri

    L’episodio più celebre ed importante di tutta la storia castelnovese avvenne il 6 ottobre 1306.

    Quel giorno infatti il sommo poeta Dante Alighieri firmò la pace tra il marchese Franceschino Malaspina e il Vescovo Antonio da Camilla, ponendo così fine ai continui conflitti tra i Malaspina e i Vescovi di Luni.

    Ancora oggi l’evento viene celebrato nella piazza del borgo, durante l’ultima domenica di Agosto, grazie a una bellissima e caratteristica rievocazione storica.

    Vota e scrivi una recensione

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *